Fondazione Scuola di beni e delle attività culturali

Fondata dal Ministero per beni e le attività culturali e per il turismo, nasce con la missione di valorizzare i professionisti impegnati nella cura e gestione di beni e attività culturali.

Promuove la conoscenza del patrimonio culturale nelle sue molteplici accezioni attraverso attività di formazione e di ricerca: programmi di alta formazione e di formazione continua, corsi di aggiornamento e iniziative su misura, studi e ricerche di carattere applicativo, iniziative di divulgazione.

È attiva a livello internazionale con programmi di scambio, gemellaggi, azioni di rete.

 

A Lubec presenta

venerdì 9 ottobre 2020 | 9.30 – 13.00
I musei e le sfide del post Covid-19

L’indagine Musei In-visibili. Visioni di futuro per i musei italiani dopo l’emergenza Covid-19 parte da una ricognizione sistematica dei contributi previsionali presentati da politici, intellettuali, accademici operatori, sull’attività futura dei musei in Italia: quali gli scenari più probabili, quali le ricadute più rilevanti. Ne emerge un quadro per certi versi inatteso.
Inoltre l’Analisi dell’impatto Covid-19 sulle politiche di valorizzazione e fruizione dei parchi archeologici, ha studiato le politiche di riapertura e i processi di gestione messi in campo durante il periodo di riapertura sperimentale.
Le due ricerche sono la base per una riflessione condivisa sulle strategie di gestione sostenibili per il futuro: priorità, fabbisogni e nuove competenze.

In Saletta

giovedì 8 ottobre 2020 | ore 16.00-17.00
fad.fondazionescuolapatrimonio.it

La piattaforma e-learning della Fondazione, disegnata per le esigenze dei professionisti della cura e della gestione del patrimonio culturale, ha debuttato in pieno lockdown e si presenta oggi pubblicamente: strumenti, risorse, prodotti.

venerdì 9 ottobre 2020 | 15.30-16.30 partecipazione a inviti
L’Impatto prodotto dall’Anno europeo del patrimonio culturale

Il 2018 è stato l’Anno Europeo del patrimonio culturale. Su iniziativa del Segretariato generale del MiBACT, e con il supporto specialistico dell’Associazione Economia della Cultura, la Fondazione lavora alla valutazione degli impatti della iniziativa sulle imprese culturali e creative, sulla partecipazione culturale e sui policy leader in Italia.
Nella cornice di LuBeC, avanza l’indagine: i soggetti della Toscana coinvolti nella Agenda italiana incontrano, in un focus group, i ricercatori a lavoro.

Referente: Marcello Minuti (coordinatore generale)

06.4989341
Via del Collegio Romano 27 – 00186 Roma