Piattaforme digitali per la valorizzazione e la promozione dell’arte e dell’architettura contemporanee

di Fabio De Chirico, Direttore Servizio II – Arte Contemporanea, Alessandra Cerroti, Luoghi del Contemporaneo e Luciano Antonino Scuderi, Atlante Architettura Contemporanea

(da LuBeC 2021, Convegno “Piattaforme digitali per la valorizzazione e la promozione dell’arte e dell’architettura contemporanee”)

La Direzione Generale Creatività Contemporanea, già dalla sua istituzione nel 2014,* ha investito sulla realizzazione di piattaforme digitali, riconoscendone la fondamentale importanza quale strumento di diffusione e valorizzazione del patrimonio di dati relativi alle materie di competenza. Tra i compiti istituzionali assegnati alla Direzione Generale sono annoverate la promozione e la valorizzazione dei giovani talenti insieme alla promozione dei valori dell’arte e della cultura architettonica contemporanee a livello nazionale e internazionale.

Tra le varie attività intraprese per assolvere ai compiti di promozione e valorizzazione, nel corso degli anni sono state realizzate diverse piattaforme digitali di pubblica consultazione, prodotte direttamente dalla Direzione Generale o in collaborazione con altre istituzioni. Tali strumenti raccolgono censimenti e mappature tematici che spaziano dall’architettura alle diverse declinazioni legate alla contemporaneità.  Ad oggi sono state realizzate 9 piattaforme: Luoghi del Contemporaneo; Atlante Architettura Contemporanea; Censimento delle Architetture Italiane del Secondo Novecento; VARIA| Video Arte in Italia; RAAM – Ricerca Archivio Amaci Musei; Censimento fotografia; Duepercento; Osservatorio Riuso.
Le piattaforme costituiscono strumenti conoscitivi, rivolti ad un ampio pubblico sia di addetti ai lavori sia di altri fruitori che volessero intraprendere personali percorsi di conoscenza e di ricerca.

Luoghi del Contemporaneo

https://luoghidelcontemporaneo.beniculturali.it/

Nel 2017 la Direzione Generale ha deciso di realizzare una piattaforma dedicata ai “Luoghi del Contemporaneo”, considerando che la mutevolezza dello scenario artistico creativo in Italia richiedeva non solo un’ulteriore ricognizione che raccontasse i cambiamenti intervenuti nella distribuzione geografica dei Luoghi ma anche la possibilità di fruire di uno strumento interattivo, costruito su una base di dati geolocalizzati e costantemente aggiornabile.

Allo stesso tempo la mappatura è stata effettuata organizzando i Luoghi secondo una suddivisione tipologica che includesse, tra gli altri, oltre agli spazi già tradizionalmente riconosciuti, anche gli spazi indipendenti, i musei d’impresa e una selezione di interventi artistici inseriti negli spazi pubblici e urbani. Alla base della realizzazione della piattaforma, è stato necessario ripensare la definizione stessa di “Luogo del Contemporaneo”: qualunque spazio, pubblico o privato, istituzionale o indipendente, con identità strutturata di luogo dedicato alla promozione, esposizione e valorizzazione dell’arte contemporanea. Non ha scopo commerciale e può possedere una collezione o essere un semplice spazio espositivo o anche uno spazio pubblico contraddistinto dalla presenza di un’opera d’arte liberamente fruibile.

Atlante Architettura Contemporanea

https://www.atlantearchitetture.beniculturali.it/

La piattaforma Atlante dell’Architettura Contemporanea è un progetto avviato e realizzato dalla Direzione Generale per la promozione e la valorizzazione dei contenuti del Censimento Nazionale delle Architetture Italiane del secondo Novecento (progetto avviato nel 2002 ed in costante implementazione attraverso campagne di ricerca regionali realizzate annualmente), con lo scopo di raccontare l’Italia, attraverso lo sguardo originale di fotografi di architettura, promuovendo l’architettura contemporanea e la fotografia come linguaggio critico per la narrazione della realtà.

La piattaforma, nata in collaborazione con DiAP Sapienza Università di Roma e DOCOMOMO Italia, propone 5 itinerari e 10 storie a percorsi tematici, corredate da mappe interattive e personalizzabili. L’obiettivo è stato quello di raccontare le trasformazioni urbane e territoriali italiane del secondo Novecento attraverso un originale storytelling multimediale e allo stesso tempo valorizzare l’architettura contemporanea diffusa sul territorio.

Nel 2020, in considerazione del positivo riscontro rilevato, si è deciso di ampliare i contenuti della piattaforma aggiungendo nuovi itinerari e nuove architetture. Il progetto, realizzato in collaborazione con Museo di Fotografia Contemporanea e Triennale Milano, attraverso la selezione di 10 fotografi under 40, ha previsto la realizzazione di 256 reportage distribuiti su tutto il territorio nazionale. I nuovi reportage andranno a comporsi in 7 nuovi itinerari.

*Precedentemente denominata Direzione Generale per l’Arte e l’Architettura Contemporanee e le Periferie urbane, ha assunto la nuova denominazione di Direzione Generale Creatività Contemporanea a seguito del DPCM 169/2019.

Condividi su: